Precisazioni per prove di tiro

Si comunica che la Regione Piemonte in data 17/05/2019 ha emanato le indicazioni operative sulla prova periodica di tiro per i cacciatori prevista dalla L.R. 19 giugno 2018 n.5

Si precisa quanto segue:

  1. Art. 3 – La prova di tiro è predisposta per certificare una sessione di prove di tiro con l’arma utilizzata per l’attività venatoria, per cui l’attestato di tiro deve riportare la marca, il calibro e la matricola dell’arma utilizzata per la prova.
  2. Art. 4 – Per la caccia di selezione al cinghiale la prova di tiro consiste in 5 tiri senza appoggio verso un bersaglio di tipo standard posto oltre i 25m. La prova di tiro si intende superata con un concentrazione di almeno 4 colpi su 5 all’interno di detto bersaglio.
    Per la caccia di selezione agli ungulati la prova di consiste in 5 tiri in appoggio verso un bersaglio di tipo standard posto oltre i 70m. La prova di tiro si intende superata con un concentrazione di almeno 4 colpi su 5 all’interno di detto bersaglio.
  3. Art.6 – Gli attestati rilasciati nel rispetto della L.R. 5/2018 prima del 17/05/2019 conservano validità ed efficacia.

Ci riserviamo di comunicare ulteriori precisazioni ricevute dalla Regione Piemonte.

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.